Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg

glrponteggi.com > Ponteggi Roma » Prodotti » Ganci e Moschettoni » Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg

Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg

35.00 Iva inclusa

Disponibile

logo csc edilizia

Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg

Chiedi Info

Disponibile

COD: CSC 251 Categoria: Tag:

Descrizione

Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg

Portata 50 Kg Peso 2.70 Kg
Direttiva 2006/42/CE
Con sistema autobloccante della fune.

Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg

Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg

 

Il miglioramento della sicurezza, dell’igiene e della salute è un obiettivo essenziale. 

Per il conseguimento le direttive europee costituiscono il mezzo più appropriato assieme alle direttive nazionali vigenti.

La robustezza dei materiali, unita alla qualità degli stessi, fanno si che avrete a disposizione la migliore soluzione.

Gancio per ponteggiatori zincato portata 50 Kg possono essere impiegati come accessorio per sollevamento indipendente o come parte di un’imbracatura. I parametri nella scelta dei ganci da usare sono:

Carico di Lavoro massimo sostenibile (o Portata):

se il gancio è impiegato come parte di un’imbracatura, il Carico di Lavoro è funzione del grado del materiale di cui è composto il gancio e della configurazione in cui è utilizzato.

Se il gancio è utilizzato come accessorio di sollevamento indipendente,

il Carico di Lavoro è marcato sul corpo del gancio stesso.

Grado: il grado dovrà essere determinato in relazione alla compatibilità con la fune, la catena o l’accessorio a cui sarà connesso il gancio

Per i ganci considerati accessori di sollevamento indipendenti, per esempio,

il grado si intende identificato con lettere C (per Acciaio al Carbonio o 4), A (per Alloy, Acciaio Legato o 8);

per i ganci considerati parti di brache, il grado si intende 8 (per grado 80) o 10 (per grado 100).

Temperatura di esercizio: -20°C ÷ +200°C.

I ganci in acciaio al carbonio e in acciaio legato grado 80 (ma non in acciaio legato grado 100) possono anche essere utilizzati nell’intervallo 200°C ÷ 400°C, con una riduzione del Carico di Lavoro del 25%.

Utilizzo: il carico va applicato sul fondo gola del gancio e deve generare delle forze F contenute nello stesso piano che contiene il gancio.

Le forze F possono formare con l’asse principale φ angoli non superiori a 45°, ossia deve essere 0°≤ α, β ≤ 45°. Non sono ammesse forze laterali rispetto al piano che contiene il gancio.

Occorre evitare che il gancio riceva sollecitazioni laterali (non solo nel sollevamento, ma anche durante manovre di trasporto) in ogni sua parte, compresi estremità inferiore, superiore, uncino e sicurezza.

Attenzione: è proibito far lavorare i ganci in punta (sull’uncino) poiché la portata si riduce drasticamente, anche oltre il 70%, e si creano snervamenti, piegature e deformazioni che rovinano il gancio e danneggiano la sicura. Inoltre il carico può fuoriuscire creando gravi pericoli.

I ganci possono essere impiegati solo se installati in connessione con organi di presa e aggancio idonei allo scopo, in relazione a portata e dimensioni. La connessione deve essere regolare e priva di forzature, interferenze e disturbi con altri elementi circostanti; deve essere possibile la mobilità snodata e l’auto posizionamento del gancio intorno al punto di presa.

Non è consentito forzare i ganci trasversalmente e posteriormente se non è garantita una presa snodata ed in asse con i bracci dei tiranti.

Prima della messa in servizio controllare l’integrità del gancio ed in particolare che non vi siamo:

tagli, piegature, incisioni, abrasioni, incrinature, cricche, corrosione, segni di deformazione ed usura,

componenti mancanti, quali il dispositivo di sicurezza, i perni nei ganci a forcella e nelle maglie di giunzione,

la bussola che blocca il perno nelle maglie di giunzione, la spina che blocca il perno nei ganci a forcella.

L’impiego, la presa del carico e la manovra con il gancio deve avvenire con grande attenzione, lentamente e senza strappi (non sono ammessi carichi pulsanti).

Il dispositivo di sicurezza si apre manualmente agendo su di esso e si chiude automaticamente spinto da una molla.

Tale sicura trattiene il carico non in tensione nel gancio, cioè con le imbrache di presa lasche, per svolgere la funzione di anti sgancio. Durante la trazione, accertarsi che sia sempre il gancio a sostenere il carico.

Il dispositivo di sicurezza sull’imbocco del gancio non deve mai sostenere il carico!

Non introdurre nel gancio più di due brache di sollevamento e verificare che lavorino disposte con i giusti angoli e non generino componenti di forza laterale.

Attenzione: un utilizzo errato o improprio può causare gravi danni agli esseri viventi ed alle attrezzature circostanti.

Osservazioni: non utilizzare i ganci in apparecchiature per trasporto di persone o animali;

non eseguire riparazioni ed in particolare saldature di alcun tipo sui ganci. Non raddrizzare tratti piegati o distorti.

Non utilizzare in ambienti soggetti ad agenti chimici corrosivi, bagni acidi, rischi di deflagrazione

Non usare in presenza di forti campi elettromagnetici.

Non collegare i ganci a carichi con spigolo vivo e abrasivo. Non sottoporre a forze pulsanti (a strappo).

Non superare mai per alcuna ragione il Carico di Lavoro massimo sostenibile dal gancio. I ganci girevoli possono ruotare sotto sforzo, cioè col carico collegato in tensione, solamente se dotati di cuscinetto a sfera.

I ganci girevoli senza cuscinetto sono orientabili, ma non sotto sforzo.

Non possono compiere rotazioni con il carico collegato in tensione.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Attenzione!

Questo sito è abilitato solo come vetrina!!

Per acquistare i prodotti collegatevi al sito casaecantieri.it

Clicca qui e vai al sito, oppure procedi la navigazione per guardare la nostra vetrina!